‘Le imprese di gioco devono anteporre il loro impegno nel gioco resposabile al profitto’, così Simo Dragicevic, CEO di BetBuddy Playtech, parlando alla conferenza Responsability in Gaming a Bruxelles.

“Le imprese di gioco d’azzardo devono anteporre un obiettivo al profitto a medio termine per mitigare i rischi’, ha detto Simo Dragicevic parlando a Bruxelles in occasione della conferenza dedicata alle politiche di gioco reposabile. “ll problema sta nell’esistenza di un conflitto di interesse : il gioco e le sue problematiche da una parte e le entrate- considerevoli- per lo Stato” ha detto il CEO di BetBuddy Playtech parlando di buone pratiche e soluzioni. Le uniche soluzioni possibili non vanno considerate solo come quelle che portano, necessariamente, ad una riduzione delle entrate. E’ infatti possibile pensare anche a soluzioni ‘produttive’ , e questo accade a patto che si realizzi e si accetti che il problema esiste. “La sfida di base sta proprio nel pensare a strategie che possano salvare l’industria del gambling’ , ha detto Dragicevic. E l’intelligenza artificiale può essere una di queste. Secondo il CEO di BetBuddy Playtech l’interrigenza artificiale può servire a modificare i prodotti che presentano un più elevato rischio di dipendenza garantendo alla stesso temp affidabilità e permettendo di monitorare i comportamenti di gioco. Per fare questo è comunque necessario adottare un approccio libero da pregiudizi, così diffusi in questo settore. dal nostro inviato a Bruxelles NB

Advertisement