“Occorre prevedere l’ampliamento e il rafforzamento dei servizi per la salute mentale, inclusi quelli dedicati alla cura del disagio psicologico dei bambini e degli adolescenti, soprattutto a seguito della pandemia, e dare sostegno nei contesti di fragilità, cronicità e disabilità, rivedendo i Piani nazionali specifici. Occorre individuare un programma specifico per l’efficientamento delle attività in materia di prevenzione e cura delle dipen­denze patologiche, tra cui quelle da alcol, da sostanze stupefacenti e psicotrope, e da gioco d’azzardo patologico. Occorre finanziare campagne per la promozione di stili di vita corretti a partire dalle scuole e rilanciare la medicina scolastica come sistema di prevenzione, anche delle epidemie, progettando un sistema di sorveglianza attiva sul territorio supportata da sistemi tecnologici avanzati”.

E’ quanto si legge nella relazione delle Commissioni riunite Bilancio e Politiche dell’Unione europea del Senato in merito al Recovery Plan.

Nel parere (favorevole) della Commissione Sanità si legge allo stesso modo: “Nell’ambito del sistema di prevenzione, occorre individuare un programma specifico per l’efficientamento delle attività predisposte dal Servizio sanitario nazionale in materia di prevenzione e cura delle dipendenze patologiche, nel cui novero rientrano anche la dipendenza da alcol, la dipendenza patologica da sostanze stupefacenti e psicotrope nonché la dipendenza da gioco d’azzardo patologico”.