Ulteriori ritocchi al testo del Decreto sul Reddito di Cittadinanza tenendo conto delle disposizioni in materia di tutela della privacy. E’ quanto si prevede con uno degli emendamenti presentati oggi dal Governo al testo del decreto all’esame dell’Aula del Senato.

In serata è stato infatti presentato un ulteriore pacchetto di proposte di modifiche, in una di queste è prevista una correzione all’articolo riguardante appunto la carta del RdC. E’ infatti vietato utilizzare il beneficio economico per giochi che prevedono vincite in denaro o altre utilità; riguardo a tale divieto, il testo del comma 6 fa riferimento alla finalità di contrastare fenomeni di ludopatia, mentre l’emendamento 5.64, approvato dalla 11a Commissione in sede referente, propone di far riferimento alla finalità di prevenire e contrastare fenomeni di impoverimento e l’insorgenza del disturbo da gioco d’azzardo (DGA). Non sono previste, in ogni caso, procedure di verifica dell’utilizzo del contante né sanzioni relative al suddetto divieto. Con l’emendamento del Governo le informazioni sulle movimentazioni della carta, prive dei dati identificativi dei beneficiari, potrebbero essere utilizzate da parte del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, a fini statistici e di ricerca scientifica.