slot machine
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Con la Delibera 831 del 12 giugno scorso la Giunta Regionale dell’Emilia Romagna ha approvato le modalità applicative delle nuove regole per le sale gioco e per le sale scommesse e per la nuova installazione di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito. Ogni Comune dovrà, entro 6 mesi dalla delibera, fare una mappatura del proprio territorio comunale stabilendo quali sono i punti sensibili”.

A fare il punto, in una nota stampa, è Mauro Bertolino, Delegato Comunale Forza Italia Ravenna, che continua: “I punti sensibili indicati dalla normativa sono gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, i luoghi di culto, impianti sportivi, strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o sociosanitario, strutture ricettive per categorie protette, luoghi di aggregazione giovanile e oratori ed ogni altro luogo di aggregazione che i Comuni possono considerare sensibili.

Effettuata la mappatura, entro un raggio di 500 metri, rispetto ai punti sensibili, non potranno più essere presenti sale gioco.

Credo che i bar, come luogo di aggregazione principe in Romagna, a Ravenna debbano essere considerati inequivocabilmente luoghi sensibili ed inseriti nella mappatura. Va da sé che lo stesso bar non potrà quindi essere più sala slot perché non distante mai 500 metri dal luogo sensibile che esso stesso rappresenta.

Non possono esistere bar che – se anche distanti 500 metri dai luoghi sensibili che non siano essi stessi – ospitino slot: altrimenti la battaglia è persa in partenza”.

Commenta su Facebook