“Innanzitutto vorrei dire che è giusto che in Consiglio regionale non si parli soltanto per una parte dei cittadini, ma si parli anche per l’altra parte, e quindi intendo anche le famiglie che sono colpite dalla ludopatia, perché è giusto…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati