trento
Print Friendly, PDF & Email

“Negli ultimi giorni si è aperto un gran dibattito sul tema delle slot machine e del gioco di azzardo. Nel 2015 infatti, la Provincia di Trento aveva adottato una propria norma (la Legge Provinciale 13/2015, “Interventi per la prevenzione e la cura della dipendenza da gioco”) con la quale disponeva il divieto della collocazione di sale da gioco in aree “sensibili”, ovvero vicine a istituti scolastici, struttura sanitarie e assistenziali, aree sportive, ricreative e di aggregazione giovanile, centri anziani e luoghi di culto.

Contestualmente veniva assegnato ai gestori delle stesse il termine di anni cinque, ovvero fino al 2020, per trasferire l’attività lontano dalle zone prescritte. Ora, durante i lavori per l’approvazione dell’assestamento al bilancio 2018, con una sorta di “blitz”, il termine è stato prorogato di ulteriori due anni, ovvero a tutto l’anno 2022. E questa è cronaca.

Ma voglio portare l’attenzione più nel merito e nel metodo. Il sottoscritto si è sempre dichiarato contrario alle slot machine e ne ha sempre apertamente manifestato le motivazioni, convinto delle gravi conseguenze che sono all’origine della dipendenza dal gioco d’azzardo.

Ciò sia durante l’esame e l’approvazione della Legge provinciale del luglio 2015, ma anche la scorsa settimana in occasione dell’approvazione dell’emendamento sulla proroga di cui si è detto. Tanto è vero che il mio voto è stato contrario e palese.

Nei giorni successivi si è aperta una bufera mediatica su questa questione e quello che più meraviglia è che l’assessore Luca Zeni si difenda dietro il fatto che la proposta è arrivata – dice lui molto genericamente – “dalle minoranze”.

Ma l’assessore ben sa che la proposta è arrivata solo da un consigliere di minoranza e non è corretto quindi generalizzare tanto per attribuire la colpa del misfatto a chiunque ma non a sé stessi.

Io non ci sto. E allora chiedo: come mai tale atteggiamento viene messo in atto solo quando le azioni hanno risvolti palesemente negativi per la comunità?

Come mai l’assessore non ha pensato invece – se ne era convinto – di esprimere il proprio parere contrario e, potendo contare sulla maggioranza dei voti, cassare la proposta? (come peraltro spesso avviene anche per proposte positive e costruttive presentate dalle minoranze).

Non sappiamo bene i motivi, ma una cosa è chiara: se è stata approvata una assurdità, per errore o con consapevolezza, chi l’ha votata se ne deve assumere le responsabilità, senza addossare le colpe a chi invece ha sempre manifestato la contrarietà.

Se la responsabilità della politica è questa, si capisce come mai la gente si allontana!

E poi questi stessi politici sono quelli che criticano i populisti. Ma cosa è un populista se non uno che non si assume la responsabilità delle proprie azioni dando addirittura le colpe agli altri, solo per avere il consenso dell’opinione pubblica?”

Massimo Fasanelli
Consigliere Provinciale

Commenta su Facebook