trento
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Gioco d’azzardo, la Provincia autonoma di Trento incassa 45 milioni di euro all’anno di entrate erariali dovute al gioco (si tratta di 9 decimi di 50 milioni di euro complessivi). Sono invece un centinaio i giocatori patologici in cura al servizio dipendenze dell’azienda sanitaria e varie altre decine di persone assistite dall’associazione di auto mutuo aiuto.

I dati sono stati comunicati dall’assessore Luca Zeni al consigliere Claudio Cia. Il gettito erariale dovuto al gioco è in crescita, anche per effetto di una normativa che ha aumentato le entrate fiscali: dai 43 milioni del 2009 si è passati ai 50 milioni del 2016, ultimo anno disponibile. I volumi di gioco sono disponibili solo su base regionale (comprensivi quindi anche della Provincia di Bolzano) e indicano una crescita delle entrate da 1 miliardo e 164 milioni di euro del 2014 a 1 miliardo e 215 milioni del 2016. Crescono anche le vincite (da 921 a 950 milioni di euro nello stesso periodo).

Sul fronte delle ‘vittime’ del gioco d’azzardo i numeri forniti dall’assessore Zeni sono questi: 91 pazienti in carico al servizio dipendenze nel 2012, 116 nel 2013, 113 nel 2014, 100 nel 2015 e 99 nel 2016. A questi vanno aggiunte anche alcune decine di persone (fra 30 e 60 in base agli anni) che sono seguiti dalle associazioni di auto mutuo aiuto.

Commenta su Facebook