Nulla di fatto per le minoranze in consiglio regionale del Piemonte, che hanno provato a chiedere il ritorno in Commissione della pdl che modifica la legge regionale sul gioco. La maggioranza dell’aula, tramite votazione per appello nominale, ha infatti respinto la richiesta, che era stata fatta in primis dal consigliere Raffaele Gallo (PD).

Prima della votazione Marco Grimaldi (LUV) ha affermato: “E’ una richiesta di buon senso, che avvantaggia più il lavoro della maggioranza che delle opposizioni. Con oltre 20mila emendamenti stiamo parlando, solo di votazioni, di 500 ore. Vi stiamo dando una exit strategy, tramite una strada non bellicosa oltretutto. Veramente vogliamo fare questa discussione in diretta streaming? E’ una delle possibilità che avete davanti di evitare figuracce. Non avrete comunque il tempo di approvare questa pdl”.

Sean Sacco (M5S): “Dall’inizio di questa legislatura ci siamo confrontati più volte in Commissione e le norme siamo sempre riusciti a migliorarle o a trovare dei punti di incontro. Ci state constringendo ad avere un atteggiamento ostruzionistico”.

Mario Giaccone (Monviso): “Sappiamo che anche nella maggioranza non c’è uniformità di vedute, quindi a maggior ragione bisogna tornare in Commissione”.