“Con la legge regionale del 2016 la domanda si è trasferita verso il gioco illegale: in Piemonte si è assistito al primo caso di chiusura di attività legali non per effetto di particolari contingenze economiche, ma per decisione del legislatore. Liberiamo il gioco legale in Piemonte”. Così il presidente del gruppo Lega Salvini Piemonte e consigliere regionale, Alberto Preioni (nella foto).