In Piemonte nell’ultimo anno, la spesa per il gioco d’azzardo ha registrato un incremento di 11,5 milioni di euro.

Malgrado le restrizioni alla normativa in materia di offerta di gioco, la spesa dei piemontesi ha registrato un incremento pari a 11,5 milioni di euro. E’ dato emerge dagli ultimi dati pubblicati dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli sulla raccolta e la spesa per il gioco attraverso il canale ‘fisico’, elaborati da Jamma.it .

Nel 2018 la spesa dei Piemontesi era stata pari a 1.029 milioni, nel 2019 ha superaro i 1.040 milioni.

Per spesa si intende la raccolta, ovvero le somme giocate, meno le vincite.

E’ andata meglio anche all’Erario: 573 milioni di entrate nel 2019 contro i 534 milioni nel 2018.