cassiani

“Ho sempre sostenuto che la ricerca Ires Piemonte fosse fatta male, parziale e soprattutto poco significativa. Oggi arrivano i dati veri… aspetto una presa d’atto dell’Ires Piemonte che sono certo non arriverà. Certamente quella ricerca ha distorto la percezione su una legge sbagliata e punitiva per il comparto del gioco legale!”.

Così l’ex consigliere regionale del Pd, Luca Cassiani, in merito agli effetti della legge piemontese sui giochi evidenziati dal presidente AsTro, Massimiliano Pucci.

Sul tema è intervenuto anche l’ex senatore del Pd, Stefano Esposito, che ha replicato: “Spiegalo ai consiglieri regionali che pur di difendere una pessima legge non leggono neanche i numeri”.

Cassiani ha quindi risposto: “Caro Stefano solo tu e pochi altri possono capire il senso di frustrazione ed impotenza nel far valere idee, valori e posizioni politiche di fronte a persone prevenute ed ignoranti. Ci ho provato per mesi con tutte le mie forze. Ho litigato, ho presentato disegni di legge, modifiche ed emendamenti, interpellanze. Ho fatto convegni, interviste, comunicati, riunioni, audizioni. Nulla. Non ho smosso nulla. È triste avere ragione ora… peccato!”.

In conclusione Esposito: “Speriamo che Cirio e la sua giunta facciano ciò che la nostra non ha fatto”.