“Dopo cinque giorni di Consiglio regionale e 20 ore di discussione entriamo nel merito dell’articolato di un Omnibus sul quale insiste una vera e propria enciclopedia di emendamenti. In queste settimane abbiamo assistito a tutto e al contrario di tutto: il centrodestra ha richiamato in Aula il provvedimento, bypassando le Commissioni, ha forzato il Regolamento del Consiglio regionale, le aperture promesse dal Presidente Cirio non hanno avuto corrispondenza in atti formali. La Maggioranza, con questo Omnibus, vuole spazzare via leggi condivise e equilibrate come quella sull’attività venatoria, un provvedimento frutto di dialogo e di confronto, e quella relativa alla ludopatia votata all’unanimità dall’aula senza per altro dare risposta al tema della sanità e dell’indagine conoscitiva”. Così Raffaele Gallo (nella foto), presidente del Gruppo Pd in consiglio regionale del Piemonte.

“Dalla Maggioranza, che più volte ha dimostrato di essere divisa al proprio interno su questi temi, ci arriva soltanto un silenzio assordante: evidentemente non intende nemmeno intervenire per difendere gli articoli che noi contestiamo e per spiegare le ragioni di queste posizioni. Ancora una volta chiediamo chiarezza, discussioni nel merito e rispetto delle opposizioni. Siamo senza parole, ma continueremo le nostre battaglie anche per istituire la Commissione Covid per poter migliorare, tutti insieme, la sanità per i piemontesi per dare voce a tutti i cittadini che ci hanno dato la loro fiducia”.