C’è la precisa volontà di chiudere il prima possibile in Consiglio Regionale del Piemonte l’esame del ddl in materia di gioco d’azzardo

Riprende domani, in Consiglio Regionale, l’esame del ddl in materia di gioco legale. Dopo le ultime riunioni tra gli esponenti della maggioranza sarebbe emersa l’intenzione di chiudere la ‘partita’ il prima possibile. Sfumata, almeno per il momento, la possibilità di modificare il testo del provvedimento includendo anche i bar tra gli esercizi che potrebbero reinstallare le slot, ovvero quelle già autorizzate prima del 2016, quando è entrata in vigore la legge vigente. Non si danno per vinti gli operatori del settore, moti titolari di imprese di gestione ed esercenti, che chiedono di non essere oggetto di una ulteriore discriminazione rispetto agli altri operatori, tra cui titolari di tabaccherie e sale giochi.

Previsto per la giornata di domani, con la ripresa dei lavori in Consiglio, un nuovo presidio di lavoratori e imprenditori.