“Questo provvedimento è un buon disegno di legge che salvaguarda migliaia di posti di lavoro e tutela un comparto lecito rigidamente controllato dallo Stato, che contribuisce per centinaia di milioni di euro alla fiscalità generale. Parliamo di un baluardo contro le mire della criminalità. Vogliamo abrogare una legge che non ha prodotto gli effetti sperati. Quello del gioco è un comparto legale, la legge che vogliamo andare ad abrogare espelle un intero settore produttivo dal tessuto economico della regione, con il risultato di migliaia di famiglie senza più una fonte di reddito onesto. Noi vogliamo che il gioco rimanga lecito, controllato e tassato. Nessuna attività o operatore rimarrà indietro con il nostro ddl. La ludopatia nessuno la ignora ma la legge 9 non l’ha cancellata”. Così il consigliere regionale della Lega in Piemonte, Andrea Cerutti (nella foto), durante la discussione sul ddl gioco d’azzardo.