cassiani
Print Friendly, PDF & Email

Piemonte. ‘La legge disponga per il futuro, per le nuove aperture. Per tutto quello che riguarda il ‘vecchio’, ovvero le licenze già autorizzate, la legge non può disporre per il passato’. Il consigliere del Piemonte Luca Cassiani (PD) ha partecipato oggi alla manifestazione che gli operatori del gioco legale hanno organizzato davanti alla sede della Regione per chiedere una revisione della normativa regionale che impone forti restrizioni alla attività di gioco legale.

Il consigliere Cassiani è tornato a illustrare l’emendamento da lui proposto e che dovrebbe essere votato dal Consiglio regionale. Si tratta di una disposizione che metterebbe al riparo le attività di gioco legale già autorizzate prima della entrata in vigore della legge regionale.

“Paradossalmente stiamo lasciando lo spazio all’offerta illegale. Dobbiamo fare un ragionamento serio, con le imprese di settore, con i dipendenti, e trovare una soluzione. I posti in ballo sono troppi, stiamo parlando di 5.000 famiglie che rischiano di non avere più una entrata per pagare un mutuo, per fare fronte alle spese quotidiane. Siamo veramente all’assurdo. Non solo si mettono al bando le attività già autorizzate perchè oggi non rispettano le distanze minime dai luoghi sensibili, ma si prevede la loro dislocazione anche nel caso in cui aprano attività ‘sensibili’ successivamente. La criminalità ringrazia, così lasciamo che le attività illegali si sostituiscano a quelle legali. Un fenomeno che conferma anche la Guardia di Finanza”.

Commenta su Facebook