Acli Piemonte, Gruppo Abele, Libera Piemonte, Movimento dei Focolari e Slot mob lanciano un appello ai sindaci piemontesi affinché si affianchino alla mobilitazione di queste settimane per convincere il consiglio regionale a non abrogare la legge regionale 9/2016 sulla ludopatia. “La legge regionale n. 9 del 2016, approvata all’unanimità, è stato un traguardo di civiltà – scrivono le associazioni piemontesi – che ha posto il Piemonte all’avanguardia nella prevenzione della ludopatia e ne ha fatto un esempio per le altre Regioni”.

Le associazioni propongono ai sindaci di approvare nei rispettivi Consigli comunali il testo di una mozione da rivolgere al consiglio regionale “affinché la legge 9/2016 non venga abrogata e affinché si trovino risposte diverse al problema occupazionale seguito all’applicazione di tale legge”. Le associazioni chiedono che sindaci e consigli comunali “siano impegnati in prima linea per il benessere dei cittadini, testimoniando al consiglio regionale la preoccupazione per la volontà di abrogare la legge in vigore”.