Il governo olandese ha inviato ulteriori dettagli sulla sua proposta di legislazione sul gioco d’azzardo online alla Commissione europea per un commento.

La nuova richiesta include dettagli sugli standard tecnici, sui requisiti di registrazione e di rendicontazione, nonché sugli interventi che i licenziatari dovranno intraprendere quando un giocatore mostra segni di problemi con il gioco d’azzardo.

I regolamenti stabiliscono che i giochi di casinò elettronici devono utilizzare un “generatore di numeri casuali affidabile” che “non può essere manipolato”, mentre i giochi di casinò dal vivo devono essere protetti contro l’accesso e la manipolazione non autorizzati.

I licenziatari devono inoltre astenersi dall’utilizzare nomi “fuorvianti” per i giochi con licenza.

Le scommesse sportive non saranno consentite su “eventi negativi” come i cartellini gialli nel calcio né su eventi che non hanno alcun impatto sui risultati delle partite.

In merito alle misure di segnalazione, la legislazione proposta richiederà a tutti i licenziatari di presentare rapporti annuali che includano dati sul numero di giocatori registrati, controlli di due diligence, registrazioni rifiutate, sospette violazioni dell’integrità e reclami.

Anche il regolatore olandese, Kansspelautoriteit, avrà la possibilità di richiedere rapporti più frequenti.

I licenziatari dovranno registrare le informazioni sulla registrazione di ciascun giocatore, se è stata eseguita una maggiore due diligence della clientela e dati continui sul tempo e denaro totale che ciascun cliente spende sulle diverse offerte oltre ai dati per ogni transazione di pagamento.

Per quanto riguarda il gioco d’azzardo problematico, la normativa proposta prevede sei possibili modalità con cui gli operatori devono intervenire nell’attività del giocatore, scegliendo la misura più appropriata a seconda dell’età del giocatore, dell’attività e delle eventuali reazioni agli interventi passati.

Le opzioni vanno dall’evidenziare l’attività del giocatore fornendo dati sul suo gioco al blocco dell’attività del giocatore

Altre opzioni includono consigli ai giocatori sull’utilizzo di risorse per il gioco d’azzardo problematico e incoraggiare il giocatore a impostare limiti di tempo o di spesa.

I licenziatari dovranno fornire ai giocatori una “spiegazione chiara e comprensibile” del motivo per cui è stata scelta la misura di intervento utilizzata. 

Il Dutch Remote Gambling Act dovrebbe entrare in vigore nel gennaio 2021, con il lancio dei licenziatari il prossimo luglio.

I Paesi Bassi hanno già presentato parte della loro proposta legislativa all’UE a luglio. Ciò includeva limiti ai bonus e il divieto di pubblicità tra le 6:00 e le 21:00. 

Le parti interessate possono inviare feedback sull’ultima sezione del regolamento fino al 12 novembre, quando la Commissione europea prenderà una decisione sulla compatibilità della legislazione proposta con il diritto dell’Unione europea.