“Suggerirei di affrontare i temi più delicati e anche eticamente più complicati – ha detto il presidente della Regione Calabria Occhiuto riferendosi al ddl sul gioco d’azzardo – facendo come si fa nelle altre assemblee, magari facendoli precedere da un ciclo di audizioni dove tutti i soggetti, sia quelli che si occupano di gioco legale perché molti dimenticano che in questo Paese è lo Stato ad avere legalizzato il gioco, sia soprattutto quelli che si occupano di affrontare i temi della ludopatia che impoverisce moltissimi nuclei familiari e moltissimi anziani. Ciò perché si possano rappresentare le ragioni degli uni e degli altri davanti a quelli che poi devono fare le leggi, quindi nelle commissioni. Mi auguro che per il futuro Il Consiglio regionale – ha detto ancora il presidente della Regione – sappia affrontare, e sono sicuro che lo farà, i temi più delicati coinvolgendo preliminarmente nelle audizioni nelle sue commissioni gli stakeolder”.

Articolo precedenteTrento, dopo le sentenze del Consiglio di Stato il Comune “ritiene di sospendere le funzioni di controllo e vigilanza”
Articolo successivoManovra, non ammesso l’emendamento M5S sul distanziometro