slot

Emessa nuova ordinanza a Noventa Vicentina (VI) che sostituisce quella del gennaio 2017, inasprendo le pene per chi non rispetta il regolamento comunale su accensione e spegnimento delle slot machine.

Il nuovo provvedimento sindacale prevede infatti il raddoppio delle sanzioni pecuniarie (da 100 euro fino a 500 euro) e dei giorni di chiusura dei locali con slot machine (da 7 a 15 giorni) in caso di recidiva per chi infrange più volte in un anno l’orario previsto dal Comune.

«Una nuova azione deterrente verso chi tenta di aggirare gli orari comunali violando ripetutamente l’ordinanza» commenta il sindaco Spigolon aggiungendo come «anche la polizia locale e i carabinieri continuino a vigilare sul rispetto dell’ordinanza».

La nuova ordinanza ha così comportato una multa di 182 euro sanzionata nella sera dell’11 dicembre dalla polizia locale al gestore di una sala da gioco dove sono stati trovati alcuni clienti intenti a giocare. Il provvedimento del sindaco modifica poi l’orario di funzionamento delle macchinette distinguendo le sale dedite esclusivamente al gioco dagli esercizi commerciali promiscui come tabaccherie ed edicole che chiudono alle 19.30. Mentre per le prime resta confermata la fascia oraria dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 22 (compresi i festivi) per i secondi è stata ora fissata va dalle 9 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30.

«Un provvedimento di equità che parifica il numero complessivo di ore di funzionamento delle slot machine in quanto chiudendo alle 19.30 l’orario comune penalizzava le tabaccherie e le edicole rispetto alle sale da gioco» aggiunge il sindaco. Resta confermata quindi l’interruzione quotidiana del gioco nelle fasce orarie 7-9 e 13-15.30 dalla maggior frequentazione dei locali come l’entrata e uscita dalle scuole e la pausa delle attività lavorative.

«Un preoccupante problema di salute pubblica, quello del gioco d’azzardo, che non riguarda solo le slot machine, ma anche i “Gratta e vinci” e che colpisce un po’ tutte le fasce sociali con giovani e anziani i più vulnerabili» osserva su ilgiornaledivicenza.it il dott. Mauro Codogno del Servizio territoriale per le dipendenze 1 Noventa.

Commenta su Facebook