“Una audizione un po’ anomala che mi ha solleticato perchè ha chiarito il rapporto della stessa rispetto al provvedimento che stiamo trattando. Quando trattiamo un provvedimento che dovrebbe essere utile all’inserimento di una quota di persone al mondo del lavoro, lo dovremmo fare in modo complessivo”. E’ quanto ha premesso il deputato Roberto Novelli intervendo nel corso dell’audizione alla Camera dei rappresentanti di Sistema Gioco Italia e ACADi sul decreto di Reddito di Cittadinanza. “Questo settore soffre di una legislazione frammentata, in alcuni casi retroattiva, vedi il caso del distanziometro. In alcuni casi i risultati di regole applicate in termini emotivi sono stati davvero modesti. Voi ci state dicendo che con l’incremento progressivo della tassazione, i distanziometri, il sistema, fatto di concessionari e lavoratori, verrebbe messo in crisi con perdita di posti di lavoro, di molti espulsi dal mondo del lavoro. Una incongruenza tra questo provvedimento e quello che sta accadendo al gioco legale, creato su basi che lo Stato si è dato e ha dato alle imprese”.