neri
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) “La Commissione Sanità questa mattina ha dato il via libera alla modifica della L.R. 57/2013 contenente aggiornamenti e nuove disposizioni sui temi della regolamentazione del gioco lecito e prevenzione della patologia da gioco d’azzardo. E’ quindi quasi concluso l’iter che sottoporrà prossimamente la proposta all’analisi ed alla discussione presso l’aula del Consiglio Regionale” fa sapere Simona Neri, Sindaco del Comune di Pergine Valdarno e rappresentante di Anci Toscana.

“Questo testo recepisce interamente la proposta di modifica che insieme al Presidente Biffoni abbiamo inviato in Regione nel Novembre 2016. Esprimo quindi una grandissima soddisfazione e ringrazio il “Tavolo Ludopatie” di Anci Toscana, gli Amministratori ed i tecnici che si sono impegnati per raggiungere questo traguardo. Le novità introdotte sono tante ed importanti, rendono la nostra una Regione tra le più aggiornate sul tema, anche alla luce delle misure concordate in sede di Conferenza Unificata. Tra i contributi proposti mi piace segnalarne alcuni: l’inserimento tra i luoghi sensibili delle scuole dell’infanzia, gli sportelli bancomat ed i compro-oro (così come inserito anche al’interno del Regolamento Comunale che abbiamo predisposto ed inviato a tutti i Comuni toscani), ma soprattutto l’introduzione dell’obbligo di formazione per gestori e personale operante nell’ambito dei centri scommesse e di spazi per il gioco, una misura che ci allinea a molte altre Regioni italiane. Non si tratta di una legge retroattiva per quanto concerne il cosiddetto “distanziometro” dai luoghi sensibili, ma un altro importante aggiornamento riguarda l’estensione della definizione di “nuova installazione” anche in caso di stipula di nuovo contratto o di installazione degli apparecchi in altri locali, a seguito del trasferimento della sede. Ringrazio quindi la Commissione Sanità che questa mattina ha dato il via libera a questo importante provvedimento che, accanto al costante lavoro del personale operante nei SerT, contribuirà a limitare lo sviluppo di una patologia sempre più diffusa. Il lavoro è solo all’inizio, dopo Il Regolamento Comunale e la proposta di modifica della legge regionale il tavolo di Anci continuerà a lavorare per la definizione di un’ordinanza tipo sugli orari di interruzione del gioco e, certamente, intervenire sulla pubblicità e sulla regolamentazione del gioco on-line che rappresenta un pericolo soprattutto per i più piccoli”.

Commenta su Facebook