E’ stato rinviata in Commissione la deliberazione di iniziativa consiliare. Prot. n. 197 del 9 maggio 2018 recante Proposta di modifica del Regolamento Sale da Gioco e Giochi leciti approvato con delibera n. 74 del 21.12.2015”.

Nel corso della seduta del Consiglio Comunale del 13 febbraio scorso la delibera è stata illustrata dal consigliere Buono, che ha evidenziato l’obiettivo di ridurre l’offerta di gioco lecito a tutela della salute e dell’integrità delle persone affette da ludopatie, intervenendo su alcuni articoli del regolamento vigente per equiparare i cosiddetti “corner” alle sale giochi, rendendo più facile la possibilità di controllarli e disciplinare le loro attività. È intervenuto l’assessore alle Attività produttive Enrico Panini, che ha ricordato il pronunciamento del Consiglio di Stato dell’ottobre del 2018, che ha introdotto la possibilità di disciplinare i “corner”. Pur esprimendo parere positivo alla delibera, ha chiesto a Buono, anche sulla base di alcune osservazioni del servizio Avvocatura, di sospendere l’atto per valutare alcuni emendamenti che potrebbero meglio disciplinare le ricadute di alcuni punti della delibera, come ad esempio gli orari di apertura in occasione di eventi sportivi. Il consigliere Buono ha accolto la proposta, con l’impegno che il provvedimento sia messo al primo punto del prossimo consiglio utile.

Sono intervenuti i consiglieri Lebro (La Città) per evidenziare che questo è uno degli atti più importanti prodotti da questa amministrazione, uno dei pochi di iniziativa consiliare esistenti. Questa delibera ha subito un numero impressionante di ricorsi, ma ha resistito perché rappresenta un importante documento per il contrasto alla ludopatia. È un atto fortissimo per il quale bisogna ringraziare l’ex consigliere Gennaro Esposito, ma è’ importante vigilare con l’Avvocatura su tutti i punti, proprio per arginare futuri ricorsi. Santoro (Misto-Fratelli d’Italia) ha definito surreale una situazione nella quale viene chiesto di sospendere un provvedimento della maggioranza, che arriva in Consiglio presumibilmente con tutti i pareri già acquisiti. O si approfitta di questa perplessità dell’Avvocatura e del ritiro della delibera per riformulare la proposta, o si rischia che in pochi giorni il provvedimento così com’è non possa essere modificato più di tanto. Per Moretto (Prima Napoli) è indispensabile la richiesta dell’assessore Panini, per evitare contenziosi è opportuno quindi confrontarsi con l’Avvocatura e poi tornare in Consiglio. Messa in votazione, la proposta di rinvio è stata accolta a maggioranza.