Il gioco è uno dei settori più colpiti dalla crisi Coronavirus, tanto che Moody’s ha già declassato i rating di due società e ne ha messe tre in revisione per il downgrade.
“Gli operatori di gioco d’azzardo europei possono resistere a blocco delle attività della durata di due mesi, nonostante sia tra i settori più colpiti dal coronavirus. Quelli con forti operazioni online e buona liquidità dovranno affrontare un periodo prolungato di interruzioni “, spiega l’agenzia di rating Moody’s in una nota.
Gli operatori di gioco in Europa potrebbero dover affrontare una chiusura di due mesi legata al Coronavirus, ma un crollo prolungato potrebbe esercitare una ulteriore pressione sulla qualità del credito.

Lo scenario di base di Moody’s è che l’epidemia di Coronavirus porta alla chiusura di tutti gli esercizi al dettaglio e della stragrande maggioranza delle attività di scommesse sportive per due mesi. Solo i giochi online, le scommesse virtuali e, in misura minore, le scommesse sportive continueranno a generare entrate.

Advertisement

“Mentre le sette società di gioco che segnaliamo dovranno affrontare un blocco di due mesi, quelle con forti operazioni online e una buona liquidità saranno meglio posizionate per affrontare un periodo prolungato di interruzione e recessione”, ha affermato Florent Egonneau, Vice Presidente e Analista dell’agenzia .

La liquidità è uno degli aspetti sui quali porre la maggiore attenzione. Ci sono infatti società che hannomaggiore liquidità, mentre altri operatori risultano più deboli, con liquidità sufficiente per periodo comprese ra cinque, massimo otto mesi, nella situazione attuale”.