Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità un ordine del giorno di Pd, Art.1 – Mdp, CambiaModena e Per me Modena che chiede a sindaco e Giunta di redigere un Regolamento comunale “per la prevenzione e il contrasto delle patologie legate al gioco d’azzardo, entro 12 mesi, ma dopo un congruo tempo volto a verificare l’efficacia dell’ordinanza emessa e di tutte le altre misure volte a limitare il gioco d’azzardo”.

La mozione, presentata da Diego Lenzini del Pd, chiede inoltre di “mettere in campo ogni azione possibile volta a limitare la possibilità di pubblicizzare il gioco d’azzardo sul territorio comunale, integrando tale misura dentro l’ordinanza del sindaco sulla Disciplina Comunale degli orari di funzionamento degli apparecchi di intrattenimento e svago installati negli esercizi autorizzati e negli altri esercizi commerciali ove è consentita la loro installazione”.

Domanda inoltre all’Amministrazione di “sollecitare presso la Regione il rilascio degli strumenti attuativi riguardanti le norme sul gioco d’azzardo” e di farsi portavoce presso Anci e tramite i sui parlamentari verso le istituzioni nazionali “al fine che venga messa in agenda la trattazione dei disegni di legge in merito alla regolamentazione della pubblicità del gioco d’azzardo”.

Il documento ripercorre l’impegno dell’Amministrazione per contrastare il gioco d’azzardo, a partire dall’emendamento di bilancio approvato in Consiglio comunale a febbraio del 2016 che chiedeva l’istituzione di un fondo per la scontistica Tari per gli esercizi commerciali che rinuncino a dispositivi elettronici per il gioco d’azzardo e dall’ordinanza del sindaco che indica la fascia oraria massima di accensione degli apparecchi per il gioco d’azzardo, le sanzioni per i trasgressori destinando i proventi ad attività di prevenzione del gioco d’azzardo e di sostegno delle attività economiche che non hanno o dimettono apparecchi.

È stato invece respinto (a favore FI, contro Pd e Art.1 – Mdp, astenuti M5s e Per me Modena) un ordine del giorno presentato da Adolfo Morandi di FI che, oltre alla predisposizione dello stesso Regolamento per la prevenzione e il contrasto delle patologie e delle problematiche legate al gioco d’azzardo lecito, chiedeva l’istituzione di un Osservatorio comunale sul gioco d’azzardo che consenta la mappatura di tutti gli esercizi dotati di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito, un’ordinanza del sindaco per definire gli orari di apertura delle sale, il divieto delle attività pubblicitarie collegate, contributi a enti e associazioni che svolgono attività di assistenza e sensibilizzazione, ecc.

La capogruppo del Pd Grazia Baracchi ha espresso “rammarico” per la presentazione di due ordini del giorno diversi invece che uno: “Quello del gioco d’azzardo – ha detto – è un tema che abbiamo sempre affrontato insieme su cosa si poteva fare da un punto di vista legislativo e amministrativo. Oggi vengono presentate due mozioni perché forse è mancata fino in fondo la volontà. Nell’odg di Fi – ha proseguito – non veniva riconosciuto tutto il percorso fatto da questo Consiglio fino ad arrivare all’ordinanza del Comune che limita l’apertura e l’utilizzo dal punto di vista dell’orario di utilizzo delle slot machine; è un percorso che nasce da lontano”. Diego Lenzini ha riportato le cifre del fenomeno e i costi per la società del gioco d’azzardo. “Cosa può fare un Comune contro questo fenomeno? Si tratta di una materia da regolare a livello legislativo, ma in questi anni abbiamo scoperto che qualcosa si può fare e ancora sulla pubblicità c’è spazio per intervenire. Credo che anche da quest’Aula debba arrivare un segnale, perché non c’è abbastanza sdegno generale sulle pubblicità relative al gioco d’azzardo”.

Per Adolfo Morandi di FI “il quadro delineato dalla consigliera Baracchi non corrisponde a realtà. Mi era stato chiesto di emendare il mio odg al punto che veniva cancellati completamente tutto quanto da me proposto nel dispositivo. Non si è trattato quindi della mancanza di volontà di farne uno unitario e mi sembra ridicolo dire che se ne voleva fare uno condiviso. La mozione che propongo mette in campo alcune soluzioni e proposte che nel vostro dispositivo non ci sono.

Anche Marco Cugusi di Art.1 – Mdp ha evidenziato che “il tema è stato affrontato più volte da questo Consiglio”. Per il consigliere “forse non c’era nemmeno bisogno di fare un ordine del giorno, perché stiamo già procedendo, stiamo lavorando bene come Amministrazione su questo terreno. Bene però – ha concluso – se questa mozione serve a rinforzare l’azione già messa in campo”.

Sul tema è intervenuto anche l’assessore Andrea Bosi: “Sono convinto che Morandi sia stato mosso da volontà proattiva. È un peccato perché se avesse dato atto del documento votato nel 2015 che ha dato il via all’azione dell’Amministrazione credo avrebbe evitato la presentazione di due ordini del giorno. Sarebbe ingeneroso non riconoscere oltre che all’Amministrazione il lavoro fatto anche un indirizzo politico chiaro da parte del Consiglio. Se si fosse riconosciuta una comune volontà di tutte le forze politiche – ha concluso – sarebbe stato un ulteriore momento di condivisione”.

Commenta su Facebook