slot

Miranese e Riviera del Brenta, è lotta alle slot. I Comuni del comprensorio puntano ad un inasprimento delle sanzioni e ad un orario unico oltre che a controlli serrati anche sui rivenditori di “Gratta e Vinci”, affinché non vendano biglietti ai minorenni.

“In questi anni – spiega Silvano Checchin, sindaco del Comune di Spinea e presidente dei comuni del distretto di Dolo e Mirano dell’Usl 3 a lapiazzaweb.it – anche nel miranese la febbre della ludopatia è salita vertiginosamente. A Spinea abbiamo adottato un orario per l’accensione delle slot che è quello proposto dalla Prefettura. Tanti Comuni hanno fatto in maniera diversa, insomma si è andati in ordine sparso. Sono dell’avviso che sarebbe opportuno uniformare gli orari prendendo come linee da seguire quello indicato dalla Prefettura, altrimenti le macchinette restano o vengono accese nei comuni limitrofi appena in un paese vengono spente”.

L’orario indicato dalla Prefettura e a cui hanno aderito ad esempio Spinea, Mirano e in Riviera, Mira e Camponogara, Pianiga, Campolongo e Stra prevede che le macchinette possano restare accese dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 22. In altri comuni della Riviera come Dolo, Campagna Lupia, Fossò e Fiesso le slot restano accese dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19.30.

Commenta su Facebook