Durante il lockdown c’è stata una esplosione del gioco d’azzardo illegale a fronte di una contrazione del gioco legale. Numerosi sono stati gli interventi di repressione in più di 50 capoluoghi di provincia.

E’ quanto dichiara il Direttore Generale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Marcello Minenna in una intervista alla trasmissione televisiva Uno Mattina.

Minenna ha precisato che non corso delle operazioni di contrasto alla offerta illegale sono state irrogate sanzioni per oltre un milione di euro.

“Il gioco illegale, secondo alcune stime, per volume è paragonabile al gioco legale”, ha aggiunto Minenna. “Il problema a mio avviso va razionalizzato , ponendosi il problema di tracciare il giocatore. Nel caso del gioco online abbiamo una preciso tracciamento del giocatore, in quello nelle sale , per questioni più etiche che di diritto, abbiamo un processo di tracciamento meno agevole. E questo porta ad una difficoltà di contrasto dei giochi patologici. Il lockdown ha portato ad una riduzione del gioco legale di almeno il 30 per cento, con un aumento di quello illegale. Se l’italiano vuole giocare, gioca”.