Niente da fare per l’emendamento che Forza Italia ha presentato a modifica della norma contenuta nel Decreto Dignità e che vieta ogni forma di pubblicità al gioco d’azzardo così come le sponsorizzazioni da parte di società che operano nel gioco legale.

Nel corso dell’esame del provvedimento del Milleproroghe in Commissioni riunite Affari costituzionali (1a) e Bilancio (5a), secondo quanto Jamma può riferire, sono stati presentati gli emendamenti segnalati dai Gruppi.

In totale sono 354 gli emendamenti che verranno votati. Tra questi non compare più il seguente emendamento:

12.29
Lotito, Paroli, Occhiuto, Rosso, Silvestro, Ternullo
Dopo il comma 5, aggiungere il seguente:
«5-bis. All’articolo 9, comma 1, del decreto-legge 12 luglio 2018,
n.87, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n.96, sono sop-
presse le seguenti parole: », anche indiretta,«.

La proposta a firma dei senatori di Forza Italia aveva nei giorni scorsi scatenato l polemiche di diversi parlamentari del Movimento Cinque Stelle , lo stesso che nel 2018 aveva sostenuto l’introduzione del provvedimento nel Decreto Dignità, così come di altri gruppi.

Articolo precedenteCamera, Lega presenta pdl per l’istituzione di una Commissione d’inchiesta sul fenomeno delle mafie: nessun riferimento a giochi e scommesse
Articolo successivoSavona, controlli polizia: scoperta sala giochi che non rispettava limiti orari slot