“Anche su questo piano esprimiamo dei forti dubbi. Così come sulla legge regionale che crea ulteriori problemi al territorio. Questo è un fenomeno dove stiamo investendo parecchi soldi, ma interveniamo a posteriori per curare una malattia, questo ci lascia fortissime perplessità. Non si affronta il problema alla radice, ossia cambiare e fare cultura in mezzo alla società, costruendo persone forti che non si lascino trascinare in questo vortice”.

Advertisement

Lo ha detto Sandro Zaffiri (Lega Nord) intervenendo in consiglio regionale delle Marche durante la discussione per l’approvazione del Piano regionale 2019-2021 per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio da gioco d’azzardo patologico e da nuove tecnologie e social network.

“E’ necessaria una valutazione per vedere gli effetti, se ci sono, di questa legge o se c’è soltanto una distribuzione di soldi. Non basta solo preparare professionalità per curare questa patologia bisogna capire se tutto questo funziona. La nostra è una votazione negativa, non è stata inserita la clausola valutativa da parte della Commissione regionale. I benefici da questo piano non ci saranno”.