Alle 6,30 di stamattina i rappresentanti della associazione A.D.A.S.I. erano davanti alla sede della Regione Marche ad attendere il presidente.

“Il presidente della Regione ha parlato con il rappresentante dei lavoratori, vice presidente Adasi, assicurando che la delibera sarebbe stata fatta stamattina, apertura domani con i protocolli della conferenza delle regioni, nessuna norma aggiuntiva”, spiega Sergio Leveque, vicepresidente di A.D.A.S.I..

Le Marche, insieme alla Sardegna, non hanno ancora emanato l’ordinanza che consentirebbe la riapertura di queste attività, recependo così il dpcm di Conte.

“Abbiamo avuto rassicurazioni dal presidente Ceriscioli circa la pubblicazione dell’ordinanza che da domani, 16 giugno, ci consentirà di riaprire” spiega Leveque a Jamma. “Ringrazio i miei colleghi e associati che oggi erano lì con me, per sapere cosa fosse stato previsto per le nostre attività. Siamo stati rassicurati circa il fatto che il protocollo sarà lo stesso della Conferenza Regioni, quindi posso dire che le nostre sale scommesse sono già pronte per ripartire”.