Il consiglio comunale di Mantova ha approvato il “Regolamento per l’apertura e la gestione di sale giochi e orari di funzionamento di cui all’art. 110 c.6 Tulps collocati in altre tipologie di esercizi”.

Praticamente viene trasportata in questo regolamento l’ossatura di norme già emanate nel corso degli anni, facendo fede all’impego preso con i 14 comuni aderenti al ‘Consorzio progetto solidarietà’, che nel 2015 approvarono un documento con degli obiettivi precisi e condivisi.

Secondo il documento in questione, recepito nel regolamento che ha ottenuto il via libera ieri, i punti cardine sono quattro: equiparazione delle sale giochi a bar e tabaccherie con all’interno apparecchi da gioco con vincita in denaro; slot in funzione solo dalle 9 alle 12 e dalle 18 alle 23 (orari che erano già in vigore con l’ordinanza del 2015); aggiunta di oratori, palestre e luoghi di aggregazione all’elenco dei luoghi sensibili vicino ai quali, a meno di 500 metri, è impossibile aprire nuove sale; sanzioni rafforzate per chi non rispetta le regole (se un’attività è aperta o gli apparecchi sono in funzione fuori orario viene emessa una multa, se un soggetto viene sanzionato due volte nello stesso anno scatta la recidiva con conseguente sospensione dell’attività da 1 a 5 giorni).