Per contrastare il fenomeno delle ludopatie a Mantova, l’Amministrazione Palazzi mette in campo il progetto “Slot Free” destinato agli esercizi commerciali ed esercizi pubblici che si trovano territorio comunale e che dismettano, da gennaio 2020, gli apparecchi con vincite in denaro.

Gli operatori che aderiscono all’iniziativa potranno beneficiare dell’esenzione della Tari (la parte variabile) e della Cosap (fino ad esaurimento della somma di 20 mila euro). Una misura concreta, approvata nei giorni scorsi dalla Giunta Palazzi, che è stata illustrata questa mattina in Sala Bonaffini dal vice sindaco Giovanni Buvoli e dall’assessore al Welfare Andrea Caprini.

“Ci sono 136 esercizi commerciali in città tra bar, tabaccherie e circoli – hanno dichiarato il vice sindaco Giovanni Buvoli e l’assessore al Welfare Andrea Caprini – dove sono installate slot e videolottery. Con questa misura ci rivolgiamo a tutti quegli esercenti sensibili che vedono le conseguenze dell’azzardo quando diventa patologico. Vogliamo offrire un incentivo concreto per sostenere una scelta etica: togliere le macchinette renderà più umano il vostro locale”.