d'urso

“Sono parole generiche che non ci convincono e non fanno capire nulla: quando in passato sono state usate parole a doppio senso, hanno portato a orientamenti che non hanno ridotto il settore dell’azzardo, come è stato, ad esempio, con l’introduzione di apparecchi più sofisticati che apparentemente servivano a ridurre il fenomeno, ma che poi offrono ancora più possibilità di gioco, con gravi conseguenze sull’economia e sulla salute della gente”. Quindi, “al di là delle parole, il vero obiettivo è stato diffondere ancora di più il gioco, per aumentare gli incassi”.

Lo dichiara, al Sir, mons. Alberto D’Urso, presidente della Consulta nazionale antiusura, commentando le disposizioni della legge di bilancio 2019 riguardanti l’azzardo e, in particolare, i commi da 634 a 639, che dispongono la riforma dei concorsi pronostici sportivi, che prevede, tra l’altro, nuovi criteri di ripartizione della posta in gioco e la chiusura definitiva di precedenti giochi similari, come il Totocalcio. Secondo la relazione illustrativa, l’aumento del montepremi, tra il 74 e il 76%, è rivolto ad attrarre un numero maggiore di giocatori verso una tipologia di gioco che presenta l’assenza di rischi legati al fenomeno d’azzardo.

La Consulta nazionale antiusura, anticipa il presidente, organizzerà tre convegni, uno al Nord, uno al Centro e l’altro al Sud, per chiedere di dare la possibilità a Regioni e comuni di legiferare in materia di azzardo, perché “sono gli enti locali a conoscere i problemi reali delle persone”.

C’è “un’ambiguità di fondo”, ma “è certo che lo Stato, invece di affrontare il problema dell’azzardo in quanto tale, usa il problema, come diceva Cavour, per continuare a far pagare le tasse ai poveri, sorridendo” ha aggiunto.

Sicuramente fa pensare che dal testo definitivo sia stata soppressa una disposizione che prevedeva che la riforma complessiva in materia di giochi pubblici definisse criteri omogenei su tutto il territorio nazionale in ordine alla distribuzione e agli orari degli esercizi che offrono gioco pubblico. “È una delle tante contraddizioni presenti nel Governo che non riesce a conciliare due anime che la pensano diversamente sui problemi, come nel caso dell’azzardo – osserva il sacerdote -. I compromessi politici non permettono di scegliere a favore delle persone, delle famiglie, delle imprese, dell’economia, della salute della gente e, al contrario, ancora una volta si mette il silenziatore sul problema. Ci sono interessi di parte e non servizio politico”.

I commi 569 e 571 dell’articolo 1, “Misure di prevenzione del disturbo da gioco d’azzardo”, prevedono che dal 1° luglio 2019 l’Agenzia delle dogane e dei monopoli metta a disposizione degli enti locali gli orari relativi agli apparecchi da gioco il cui funzionamento sia subordinato al collegamento a un sistema di elaborazione della rete. “Passano i Governi – commenta mons. D’Urso – ma i problemi non si prendono mai di petto: non sono questi passi decisivi verso l’eliminazione dell’azzardo, ma dei contentini (…)”.

Commenta su Facebook