slot azzardo
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “E’ bene parlare dello scopo e dell’obiettivo principale di questo decreto-legge e di questa manovra: esso nasce per una correzione sui conti pubblici richiesta dall’Unione europea, per portarci agli obiettivi di medio termine, dai quali si registrava per il nostro Paese uno scostamento di poco meno dello 0,2 per cento. Infatti, la correzione sull’indebitamento netto che si realizza nella manovra è di 3,1 miliardi di euro. Si tratta di un risultato importante, che raggiungiamo senza aumentare la pressione fiscale e senza fare tagli draconiani alle spese per i servizi ai cittadini”.
E’ quanto dichiarato in Aula dal senatore Marcello Gualdani (AP-CpE-NCD) durante il seguito della discussione sulla Manovra Correttiva, in attesa del voto di fiducia.

“Com’è noto, la maggior parte della copertura di tale decreto arriva dall’estensione della platea dello split payment, misura molto criticata in passato ma, riprendendo il dibattito che c’è stato l’anno scorso, quando introducemmo questa misura, ricordo che i dubbi sulla possibilità di ottenere l’emersione dell’evasione sono stati in gran parte dissipati. Infatti, i dati ci dicono che l’emersione dell’evasione c’è stata, è stata importante e questo ampliamento porterà ulteriore emersione. Inoltre, abbiamo approvato tagli alle spese improduttive dei Ministeri e una tassazione aggiuntiva sul sistema del gioco.

Queste sono le voci fondamentali da cui si reperiscono le risorse per raggiungere non solo quella correzione sui conti pubblici di cui ho parlato, ma anche per realizzare altre misure molto importanti. Voglio ricordarlo: solo per l’annualità 2017, con la manovra, rifinanziamo le spese per il terremoto nel Centro Italia di circa 700 milioni di euro. Oltre a tale fondamentale aggiunta di risorse, un’altra norma che implementiamo, grazie anche del lavoro della Camera dei deputati, è quella che prevede l’aumento complessivo della dotazione finanziaria in capo alle Province di quasi 400 milioni di euro, rispondendo ad una questione posta al Parlamento negli ultimi mesi dai rappresentanti delle istituzioni territoriali di tutti i colori politici. (…) Annuncio il voto favorevole di fiducia al Governo sul decreto-legge da parte del gruppo Alternativa popolare – Centristi per l’Europa” ha concluso Gualdani.

Commenta su Facebook