Spunta un emendamento per inasprire il prelievo sulle vincite dei giochi d’azzardo. L’intervento allo studio prevede che dal 1° gennaio 2020 i concessionari trattengano il 15 per cento delle vincite eccedenti i 25 euro. Coinvolti i giochi, anche se a distanza: Vinci per la vita – Win for life, Vinci per la vita – Win for Life Gold e SiVinceTutto SuperEnalotto, lotterie nazionali ad estrazione istantanea. Nella versione iniziale della misura, il prelievo era sempre quantificato nell’ordine del 15 per cento, ma a decorrere da maggio e con efficacia soltanto sopra i 500 euro di vincita. Si tratterebbe dunque di un ulteriore inasprimento.

Il provvedimento predispostoprevede che questo balzello “sia trattenuto all’atto del pagamento della vincita stessa e deve essere versato dal concessionario unitamente al primo versamento utile della quota della raccolta del gioco dovuta all’erario”. A un seguente decreto attuativo si affida l’organizzazione dei controlli per verificare che tutti si adeguino.

La soluzione che sarebbe allo studio del governo ma sui cui sarebbe ancora in corso una valutazione. Sembra comunque certo un intervento sul gioco d’azzardo per reperire risorse.