Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Nicola Manente di Forza Jesolo ha lanciato una campagna di sensibilizzazione rivolta al Comune sul gioco d’azzardo patologico. «L’età media del paziente Gap (gioco di azzardo patologico) secondo i dati della prefettura, è di poco inferiore ai 50 anni e il fenomeno sembra non investire i soggetti più giovani, sotto i 20 anni. Già tra i 20-30 però si nota il 5% dei pazienti, il 20% tra i 30-40 e il 26% tra i 40-49 anni. Non tutti i soggetti, soprattutto i giovani, vittime della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico, si rivolgono però alle strutture sanitarie preposte».

“Rispetto ai Serd si rileva che l’accesso al servizio è stato favorito, nell’Asl 10, per il 51% dall’intervento di familiari e amici – ricorda – per il 40% su iniziativa del paziente stesso e del 6% dei servizi sociali. E la quasi totalità dei pazienti (95%) ha sviluppato un problema da uso di slot machine e Vlt, le scommesse non arrivano al 4%, e gli altri giochi sono ancora meno rappresentati. A Venezia, come a Noale, Stra e in altri comuni della provincia, seguendo quanto sottoscritto in prefettura il 25 febbraio 2015, ha disposto con ordinanza del 16 giugno 2016 alcuni paletti per l’utilizzo delle slot machine tra i quali gli orari di apertura sale slot dalle 9:00 alle 13 e dalle 15 alle 19 e una più evidente indicazione di avvertimento sul rischio di dipendenza. Lo hanno fatto anche alcuni Comuni della zona. In provincia sono stati presi in cura presso i SerD delle 4 Asl competenti per territorio 367 soggetti con condotte di gioco d’azzardo patologico (Gap). A oggi ci risultano invece che ci siano in cura presso il SerD dell’Asl 10 circa quattromila pazienti Gap, mille dei quali vivono a Jesolo.

Nel protocollo d’intesa sottoscritto in prefettura anche da Jesolo nel 2015 – spiega Manente – sono riportate specifiche indicazioni che regolamentano al meglio la gestione delle sale slot/Vlt come l’obbligo di ubicare le stesse lontano (art.6) da luoghi sensibili (istituti scolastici, luoghi di culto, impianti sportivi e centro giovanili, …) o regolamentandone gli orari ed è per questo motivo che sollecitiamo il sindaco a far adottare immediatamente in Consiglio comunale il protocollo d’intesa per la prevenzione ed il contrasto del gioco d’azzardo sottoscritto davanti al prefetto” conclude.

Commenta su Facebook