Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) La Gaming Authority di Malta (MGA) ha pubblicato il Libro bianco che propone importanti riforme al Gaming Legal Framework di Malta. L’obiettivo principale di questa proposta è quello di abrogare interamente  la legislazione esistente e di sostituirla con un singolo atto legislativo del Parlamento intitolato “Legge sui giochi”, insieme alla legislazione sussidiaria che copre orizzontalmente le principali aree di regolamentazione, nonché una serie di direttive e linee guida Dall’Autorità Gaming Malta come unico regolatore di questo settore. 

Il quadro normativo proposto consente all’MGA di essere più agile nel suo processo decisionale e di ridurre inutili oneri normativi che non favoriscano gli obiettivi normativi, rafforzando contemporaneamente la vigilanza e concentrando gli sforzi del regolatore sulle aree che presentano un profilo di rischio più elevato. Inoltre, La proposta di riforma propone la valorizzazione degli standard di protezione dei consumatori , misure di gioco responsabili, un approccio basato sui rischi per la regolamentazione e poteri più ampi per l’osservanza e l’applicazione della MGA. Esso stabilisce anche standard orientati all’obiettivo per incoraggiare l’innovazione e lo sviluppo.

Queste proposte sono sostenute da una serie di iniziative intraprese durante il periodo preparatorio per questa revisione legale proposta, tra cui diverse consultazioni pubbliche, studi tecnici e valutazioni di impatto economico e finanziario. Esse riflettono anche l’esperienza che l’MGA ha raccolto da anni di esperienza che regolano il settore. Contemporaneamente, le proposte comprendono un ethos normativo che cerca di garantire che i regolamenti possano soddisfare nuovi potenziali settori, reagendo proporzionalmente ai rischi sociali.

I principali punti di forza delle modifiche previste includono:

  • Sostituire l’attuale sistema multi-licenza con un sistema in cui ci saranno due tipi diversi di licenze: una licenza Business-to-Consumer (B2C) e una licenza Business-to-Business (B2B) che copre diversi tipi di attività in più canali di distribuzione;
  • Spostamento verso un approccio normativo basato su obiettivi piuttosto che eccessivamente prescrittivo, per consentire l’innovazione, pur assicurando l’ottenimento degli obiettivi normativi;
  • Ampliare l’ambito normativo per aumentare la sorveglianza dell’MGA e consentire l’intervento ove necessario e in modo proporzionato;
  • Ampliare le competenze delle MGA nell’ambito delle funzioni di conformità e di esecuzione per conseguire meglio gli obiettivi normativi, in linea con gli sviluppi concorrenti in materia di riciclaggio di denaro e di finanziamento del terrorismo;
  • Segmentare il ruolo chiave del funzionario in varie funzioni chiave nell’ambito di un’attività con licenza, che richiede l’approvazione, per il controllo diretto e controlli mirati di vigilanza, aumentando così la responsabilità in un’operazione di gioco;
  • Rafforzare il quadro di protezione del giocatore formalizzando il ruolo di mediatore dell’unità di supporto dei giocatori di MGA e spostandosi verso un database di autoesclusione unificato in entrambi i canali di distribuzione da remoto e terrestre;
  • Introdurre processi nuovi e più efficaci per la giustizia penale e amministrativa, compresa l’assegnazione di ricorsi  e l’introduzione di una distinzione tra reati ;
  • Introducendo il concetto di amministrazione per proteggere un operatore  in difficoltà e, se necessario, assistere l’eliminazione di un operatore , proteggendo così i posti di lavoro e i fondi dei giocatori;
  • Passare alla segnalazione automatizzata, facilitare l’adesione agli obblighi normativi e rafforzare la vigilanza dell’Autorità;
  • Rafforzare il ruolo dell’Autorità nella lotta contro la manipolazione delle competizioni sportive introducendo nuovi obblighi per gli operatori di controllare le scommesse sportive e segnalare scommesse sospette, in linea con gli sforzi compiuti dalla Task Force Nazionale di Anticorruzione, in cui l’Autorità partecipa attivamente;
  • Facilitare la fiscalità in un unico flusso con due livelli principali; e
  • L’esclusione dei licenziatari B2B dalla tassa sui giochi, aumentando così la competitività di Malta come centro per questi fornitori di servizi.
Commenta su Facebook