In questo accesso clima di campagna elettorale non poteva mancare il tema della dipendenza da gioco d’azzardo

Un video di Giorgia Meloni provoca la reazione di Enrico Letta. Il contenuto, pubblicato sui social e poi rimosso, si riferisce a forma di devianze giovanili da contrastare.

Droga, alcolismo e tabagismo, e quarta, in ordine, la ludopatia. Da dipendenza da gioco d’azzardo, anche se oggi si preferisce indicarla con termini diversi che non facciano pensare a generiche forme di gioco, non è la prima volta che entra tra i temi trattati da Fratelli d’Italia. Già nel 2014 Giorgia Meloni, a nome del partito, espresse piena condivisione sulla scelta dell’allora Commissione Affari Sociali di applicare restrizioni alla installazione di apparecchi a vincita allo scopo di contrastare la ludopatia.

Nel 2017, a proposito della riforma del settore dei giochi, Fratelli d’Italia dichiarò di aver “sempre avuto una posizione molto chiara sul tema della lotta alla ludopatia in Parlamento e nelle Istituzioni locali” confermando di battersi “contro un Governo che fa cassa sulla pelle dei disperati e che ha addirittura osteggiato quanto di buono e’ stato fatto dagli Enti locali.”

Questa volta però a indignare parte della politica è la scelta di includere nelle forme di devianze anoressia e obesità. Un concetto, quello delle devianze, “da Ventennio”, attacca Laura Boldrini. Il post di Fdi viene poi rimosso, osserva il deputato Dem Filippo Sensi, ma “non basta, servono le scuse a chi è stato insultato e considerato deviante perché obeso o anoressico. Venitelo a dire alle famiglie che vivono questo sulla loro pelle..”.

Articolo precedenteGorilla Mayhem‎‎™‎‎ nell’offerta di LeoVegas Group
Articolo successivoScommesse. Prove tecniche per Dazn Bet: si parte da Londra