“L’Agenzia delle dogane e dei monopoli – Comparto monopoli è il garante della legalità e della sicurezza, che deve caratterizzare tutto il comparto del gioco pubblico, con il duplice scopo di rendere riconoscibili i prodotti di gioco autorizzati dallo Stato e di rafforzare l’azione di contrasto al gioco irregolare. Regole chiare, massima trasparenza, sicurezza per tutti, questo è il messaggio riassumibile con il marchio “Gioco legale e responsabile”. SOGEI nel corso del 2020 ha realizzato soluzioni tecnologiche che hanno supportato l’Agenzia delle dogane e dei monopoli nello svolgimento delle attività di controllo e gestione del comparto dei giochi pubblici, garantendo sicurezza e trasparenza a tutti gli operatori coinvolti, contribuendo da un lato a contrastare il gioco illegale e a garantire allo Stato la raccolta delle imposte dovute, dall’altro ad assicurare ai giocatori un contesto regolamentato e monitorato costantemente e agli operatori un servizio sicuro e affidabile”.

E’ quanto si legge nella relazione della Corte dei Conti al Parlamento sulla gestione finanziaria degli Enti sottoposti a controllo in applicazione della legge 21 marzo 1958, n. 259, con riferimento alla Società Generale d’Informatica spa, SOGEI (esercizio 2020).

“Analizzando nel dettaglio i dati di consuntivo registrati sulle diverse modalità di remunerazione delle prestazioni (pricing), la società ha evidenziato che: la crescita dei ricavi per prodotti servizi specifici progettuali è stata determinata dalle maggiori attività realizzate in particolare per: 1) l’Agenzia delle dogane e dei monopoli, (…) per l’introduzione del nuovo Registro unico abilitativo dei soggetti che operano in tutto il comparto giochi, previsto dall’art. 27 del citato d. l. n. 124 del 2019; per l’adeguamento del sistema della Lotteria degli scontrini, il cui avvio è partito nel 2021, agli interventi normativi ed alle modifiche regolamentari intervenute nell’esercizio”, prosegue la relazione.

E ancora: “La Legge di Bilancio 2017 ha istituito una lotteria nazionale denominata Lotteria dei Corrispettivi, comunemente nota come “Lotteria degli scontrini” che partirà nel 2021 come previsto dall’art 141 del Decreto Legge n. 34 del 19/05/2020 (Decreto Rilancio). Successivamente la legge di bilancio 2021 ha poi limitato la partecipazione alla lotteria ai soli acquisti effettuati in modalità cashless. Allo scopo di garantire l’anonimato del cittadino, in accordo con le raccomandazioni del Garante Privacy, il D.L. 124/2019, sempre all’art. 20, ha introdotto il “codice lotteria”, in sostituzione del codice fiscale inizialmente indicato dalla norma istitutiva, da associare al singolo scontrino dietro esplicito consenso del consumatore. Il cittadino in possesso del codice lotteria potrà recarsi presso un qualsiasi esercente presente sul territorio nazionale e, a fronte di un acquisto di bene o servizio, manifestare la volontà di partecipare alla lotteria mediante comunicazione del proprio codice all’esercente. A partire dagli scontrini saranno generati in modalità automatizzata i biglietti, che concorreranno alle diverse estrazioni previste nel corso di ogni anno dal regolamento della lotteria in vigore. Le operazioni di estrazione avverranno, con modalità automatizzata, sotto la responsabilità dell’Agenzia Dogane e Monopoli. Obiettivo del progetto è quindi l’evoluzione del sistema amministrativo/contabile per la gestione telematica dei relativi flussi operativi e dei controlli. Tale sistema avrà lo scopo di incentivare i consumatori a richiedere il rilascio della certificazione fiscale in modo da contrastare l’evasione fiscale (IVA e Imposte sui redditi) da “occultamento dei corrispettivi” sulle vendite e sulle prestazioni “al minuto”. Il sistema predisposto è composto da: un sistema di raccolta ed elaborazione dei dati trasmessi; un sistema di estrazione premi; un portale web per il cittadino con autenticazione all’accesso e un sistema di monitoraggio e assistenza. Nel 2020 è stato attivato il portale dedicato alla lotteria, che consente ai consumatori di avere a disposizione le informazioni generali della lotteria nonché quelle legate ai propri documenti commerciali. Dal 1 dicembre, in accordo con il MEF, Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e d’intesa con l’Agenzia delle Entrate è stata aperta a tutti i cittadini la funzionalità di rilascio del codice lotteria utile alla partecipazione al gioco”.

Inoltre: “Nell’ambito dell’azione volta a contrastare la ludopatia, è stato istituito, nel 2019, il Registro unico degli Autoesclusi (RUA), per la gestione delle richieste di autoesclusione dal gioco a distanza. L’autoesclusione di un soggetto ha valore trasversale, vale a dire che è valida nei confronti di tutti i concessionari che raccolgono il gioco a distanza. La richiesta può essere inoltrata sia da giocatori titolari di un conto di gioco che da soggetti che non possiedono nessun conto. L’iscrizione in questo registro può essere effettuata sia tramite il concessionario con cui si possiede un conto di gioco, sia facendone richiesta presso gli uffici territoriali di ADM, sia autonomamente attraverso il PUDM (Portale Unico delle Dogane e dei Monopoli), accedendo ad un’area riservata con l’utilizzo di credenziali SPID o CIE. L’iscrizione può essere temporanea (della durata di 30, 60 o 90 giorni) o a tempo indeterminato ed ha effetto immediato sui soggetti richiedenti, che non potranno aprire nuovi conti di gioco né potranno più movimentare i conti già attivi se non per prelevare le somme giacenti. In caso di autoesclusione a tempo indeterminato, il soggetto autoescluso può chiedere la revoca dell’autoesclusione a condizione che siano passati almeno 6 mesi dall’iscrizione. Nel caso di
autoesclusione a tempo determinato, non è possibile chiedere la revoca dell’autoesclusione; essa sarà automatica alla fine del periodo indicato (30, 60 o 90 giorni). Nel 2020 circa 80.000 soggetti hanno inviato una richiesta di autoesclusione. Attualmente risultano autoesclusi circa 87.000 soggetti”.

“Il mercato delle scommesse e dei giochi in genere, soprattutto negli ultimi anni, ha evidenziato una rapidissima espansione. Sogei – evidenzia la relazione – ha introdotto negli anni strumenti di controllo delle criticità sia per monitorare le eventuali attività illegali e migliorare l’azione di contrasto che per monitorare efficacemente i flussi di gioco e identificare comportamenti fraudolenti. La soluzione, sviluppata nel corso degli ultimi tre anni, raggruppa diverse declinazioni del progetto di ampliamento e innovazione degli strumenti di ausilio all’analisi e al rilevamento dei comportamenti illeciti. Ai già presenti e sempre più usati FRODO Scommesse, FRODO Poker Online, FRODO Apparecchi (ASAP – Analisi Statistiche APparecchi), si sono affiancate nuove applicazioni quali Frodo Analisi per Soggetto e la Piattaforma Antiriciclaggio.

FRODO Scommesse

Nell’ambito delle scommesse sportive a quota fissa, offline e online, le attività condotte nel 2020 hanno riguardato l’ottimizzazione delle procedure di calcolo di alcuni indicatori funzionali alla segnalazione di giocate anomale; modifiche relative alla reportistica a supporto delle attività di indagine; l’evoluzione del sistema di raccolta delle informazioni dalla rete e la realizzazione di una sezione di consultazione dei dati ottenuti.

FRODO Poker Online

Le attività del 2020 in ambito Poker online (cash) hanno avuto la finalità di ottimizzare il flusso di caricamento massivo dei dati relativi alle sessioni di gioco; di realizzare una nuova sezione dell’applicazione basata su nuove logiche di valutazione del rischio, di implementare funzionalità che consentano di efficientare la qualificazione (ranking) del rischio dei giocatori e infine di predisporre un meccanismo parametrico delle analisi di simulazione

Frodo – Analisi per Soggetto

Il progetto Analisi per soggetto è nato come ausilio alle attività di controllo e monitoraggio di tutti i soggetti presenti nella filiera Monopoli, relativamente ai sistemi giochi e tabacchi. Sono disponibili dashboard ma anche ricerche guidate e attraverso la costituzione del graph DB viene offerta la possibilità di esplorare i collegamenti e le relazioni tra i diversi soggetti e punti vendita. Nel corso del 2020 sono stati individuati nuovi indicatori di rischio.

Piattaforma Antiriciclaggio

Nel 2019 è iniziato lo sviluppo di un nuovo strumento per l’Agenzia delle Dogane e Monopoli che potrà contribuire al monitoraggio delle procedure e sistemi di controllo volti a mitigare e gestire i rischi di riciclaggio e finanziamento del terrorismo relativamente ai settori del bingo, delle scommesse e degli apparecchi da divertimento nonché dei concessionari per il gioco a distanza. Nel corso del 2020 è stata aggiornata e potenziata la base dati dedicata funzionale all’identificazione di misure del rischio affini alle linee guida ad ausilio dei concessionari di gioco in materia di antiriciclaggio. E’ stata inoltre completamente rivisitata l’applicazione web relativa a statistiche descrittive degli andamenti generali dei singoli settori di gioco e al trend di alcuni Indicatori di Rischio già presenti o elaborati ex-novo. Sono stai poi implementati nuovi indicatori nel segmento “Gioco a Distanza” per la segnalazione di anomalie dei conti di gioco e un sistema di monitoraggio del segmento VLT. Infine alcune attività hanno riguardato lo sviluppo di un nuovo modello di analisi per l’individuazione di possibili anomalie nel settore Bingo di Sala, nonchè l’evoluzione del sistema di monitoraggio delle scommesse sportive”.

“Il Sistema di Monitoraggio e Analisi della Raccolta Territoriale del gioco offerto tramite punti vendita fornisce all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli informazioni relative ai dati dei volumi di gioco e alla numerosità degli apparecchi suddivisi nei livelli nazionale, provinciale, regionale e comunale, per gli ultimi 3 anni conclusi e, aggiornati all’ultimo bimestre, per l’anno corrente; i dati – chiarisce la relazione – sono forniti in forma complessiva e suddivisi per tipologia di gioco. L’applicazione è di notevole supporto ai Monopoli ed agli enti locali per le attività di accertamento su tutte le tipologie di gioco, al fine di contrastare il gioco illegale. Tutte le informazioni raccolte sono utilizzate per il calcolo di opportuni indici statistici in formato cartografico per mezzo di rappresentazioni a mappe, articolate per la rappresentazione della distribuzione dell’offerta di gioco fisico differenziata per tipologia, sia con riferimento ai dati di speso, giocato, vincita ed erario, sia con riferimento alla numerosità dei punti di distribuzione del gioco (VLT, AWP, Bingo, Scommesse, giochi numerici, lotto e lotterie) e relativa ubicazione degli esercizi e apparecchi. L’applicazione è stata resa disponibile nel corso del 2019 alla Direzione centrale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, agli Uffici Territoriali dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, alla Guardia di Finanza (Comando generale e Reparti provinciali) e ai Comuni. Nel corso del 2020 è stata estesa anche alle Regioni ed è stata avviata una reingegnerizzazione dell’interfaccia utente con lo scopo di rendere il prodotto pienamente fruibile in modalità mobile”.

“Il valore della produzione – si legge ancora nella relazione – cresce significativamente rispetto al 2019, sia nella classe dei ricavi relativi alle prestazioni professionali, che a quelli riferiti alle forniture di beni e servizi a rimborso. Si sottolinea la positività di questo risultato in un esercizio così particolare, segnato dell’emergenza Covid-19 che ha pervaso e condizionato l’operatività della Società, che dal mese di marzo 2020 ha dovuto riconvertire la propria modalità di lavoro (e quella dei propri Clienti) e gestire la rimodulazione dei piani operativi nel corso di tutto il 2020, poiché condizionati dalla ridefinizione e riprioritizzazione degli obiettivi e delle loro scadenze, proprio a causa dal contesto emergenziale. In tale conteso è stato infatti richiesto alla Società un supporto significativo per la gestione informatica dei provvedimenti straordinari posti in essere dal Governo, con particolare riferimento a quelli finalizzati all’attuazione delle politiche a sostegno all’economia. Nonostante la complessa dinamica operativa e gestionale che ha caratterizzato l’esercizio, i ricavi delle prestazioni professionali registrano una crescita complessiva di 21,5 milioni di euro rispetto al 2019. Tale crescita attesta il forte impegno della Società, da valutare in modo ancora più favorevole, se si considera che tale valore rappresenta un saldo tra l’incremento dei ricavi legato alla realizzazione di nuovi progetti e alla crescita dei volumi dei servizi esistenti, e la riduzione dei ricavi dovuta al ridimensionamento delle attività correlato sia alle minori disponibilità economiche di alcuni clienti (es. Dipartimento delle Finanze, che ha visto ridotti i propri stanziamenti per il 2020), sia agli effetti della situazione pandemica, particolarmente evidenti su alcuni servizi progettuali e di conduzione (es. trattamento delle schedine giocate, gestione degli avvenimenti ippici e sportivi, servizio Hosting di AdER, assistenza agli utenti).

Analizzando nel dettaglio i dati di consuntivo registrati sulle diverse modalità di pricing si evidenzia che: la crescita dei ricavi per Prodotti Servizi Specifici Progettuali è stata determinata dalle maggiori attività realizzate in particolare per:

 l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, in particolare per la realizzazione di strumenti idonei a supportare e velocizzare l’operatività degli uffici periferici nella gestione dei Dispositivi di protezione Individuale (DPI) (tracciamento, statistiche, sequestro e individuazione dei beneficiari dell’esenzione IVA); per il potenziamento dei sistemi strumentali alla gestione delle merci legate all’e-commerce notevolmente incrementato nel 2020; per la realizzazione del sistema digitalizzato di tracciamento delle merci in custodia finaizzato a contrastare il traffico illecito di Tabacchi Esteri Lavorati (TEL); per l’introduzione del nuovo Registro unico abilitativo dei soggetti che operano in tutto il comparto giochi, previsto dall’art. 27 del D.L. 124/2019; per l’adeguamento del sistema della Lotteria degli scontrini, il cui avvio è stato rinviato al 2021, agli interventi normativi e alle modifiche regolamentari intervenuti nell’esercizio; (…)”.

“Tra gli approcci strategici adottati dall’Azienda – prosegue la relazione -, sempre più importanza ha assunto il modello di Customer eXperience Management (CXM), modello interamente adottato nell’ambito del progetto Lotteria degli Scontrini“.

In merito alle infrastrutture tecnologiche si legge: “Le intrinseche caratteristiche di dinamicità e la propensione alla scalabilità orizzontale delle infrastrutture iperconvergenti si sono rivelate un fattore chiave in ambito VDI (Virtual Desktop Infrastructure), soprattutto quando, nel pieno dell’emergenza sanitaria, si è reso necessario fornire servizi propedeutici per il lavoro agile ai principali clienti istituzionali e al personale di Sogei stessa. Grazie agli investimenti su questo tipo di infrastrutture è stato possibile rispondere rapidamente a tali esigenze ed erogare servizio a più di 33.000 utenti distinti al giorno, con picchi di oltre 27.000 connessi contemporaneamente. Alla luce di questa esperienza si è deciso di estendere l’adozione di paradigmi HCI (Hyper-Converged Infrastructure) anche ad altri ambiti di erogazione. Sono esempi notevoli di questo infrastrutture iperconvergenti che ospitano i cluster Red Hat OpenShift per il progetto Lotteria degli Scontrini e quelle che nel 2021 ospiteranno i nuovi servizi del Controllo Accessi”.

E ancora: “Nonostante le oggettive difficoltà legate alla pandemia, il 2020 è stato un anno contraddistinto da grandi passi nell’evoluzione tecnologica dei sistemi informatici gestiti da Sogei, con la realizzazione di progetti di primaria importanza basati sulle più innovative tecnologie informatiche. Tra i vari progetti va certamente menzionato, per complessità funzionale e per requisiti dimensionali, quello della “Lotteria dello Scontrino” realizzato per l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e per l’Agenzia delle Entrate”.

“Il livello di maturità raggiunto su piattaforma Big Data – chiarisce la relazione – ha consentito di proporre la stessa come base di vari progetti strategici tra cui, sicuramente, va menzionato quello della Lotteria dello Scontrino“.

Inoltre: “Le principali attività in ambito di studio, implementazione e investimento hanno riguardato i seguenti temi: (…) sviluppo delle architetture di sistemi basati su micro servizi che ha condotto il team di Architettura di Sicurezza a potenziare i controlli sulle sessioni dei Servizi Internet (es. Progetto Immuni e Lotteria degli Scontrini), attraverso l’utilizzo di tecnologie quali Web Application Firewall e Network Intrusion Prevention System, idonei ad agire sul traffico cifrato così da mantenere la confidenzialità dei dati e allo stesso tempo garantire la correttezza delle sessioni contrastando attività malevole da parte di eventuali attaccanti; (…)”.

“Le attività del 2020 – rende noto la relazione – hanno avuto per oggetto gli ambiti di seguito descritti:

Sito Lotteria degli scontrini: nel primo semestre del 2020 è stato reso disponibile agli utenti il sito informativo della Lotteria degli scontrini al quale successivamente si è aggiunto il servizio che consente la generazione del codice individuale necessario per la partecipazione alla lotteria stessa; (…)”.

E ancora: “Il progetto di trasformazione avviato ha consentito, nel corso del 2020, di concretizzare molteplici obiettivi nei diversi ambiti progettuali:

 nuovi modelli di assistenza self service: chatbot realizzate per Agenzia delle Entrate – Fatture e Corrispettivi, Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – Lotteria degli scontrini, Staams, Falstaff, Ruog. Tramite questi strumenti è possibile migliorare i rapporti con l’utenza finale, trasformando la relazione tra cittadino e PA da reattiva a proattiva; aiutando il cittadino a operare le scelte «migliori» rispetto alla propria situazione, semplificando e normalizzando, richiedendo e fornendo solo le informazioni necessarie (once only); (…)

 servizio con operatore per la trasformazione digitale del servizio di assistenza multi canale: servizi offerti agli utenti del Ministero della Giustizia – Portale Vendite Pubbliche, Presidenza del Consiglio – Carta della famiglia, ADM – Lotteria degli scontrini, Sanità. Attraverso tali strumenti è possibile potenziare il colloquio con gli interlocutori in ottica usercentered (cittadini, patronati, operatori di settore) attraverso la normalizzazione dei servizi offerti e la revisione tecnologica degli strumenti informatici di assistenza, adottando modalità che facilitino il colloquio e la condivisione delle informazioni”.

Inoltre: “I costi diretti di produzione (costi correnti direttamente correlati all’attività operativa) mostrano una variazione in aumento, rispetto al 2019, di 14,3 milioni di euro, per i maggiori costi: (…) – dei canoni di manutenzione e noleggi delle licenze software (+5,6 milioni di euro) conseguente in parte a una diversa strategia di acquisizione del software che privilegia il sostenimento di costi per noleggi, con sottoscrizioni e pagamento di canoni annuali (es. piattaforma CITRIX correlata allo sviluppo del lavoro agile dei Clienti, piattaforma MongoDB
per la lotteria degli scontrini), e in parte all’entrata in manutenzione delle licenze IBM ELA acquisite nel 2018, delle licenze Oracle (PULA) del 2019, della piattaforma Qualys dedicata al Vulnerability assessment e del nuovo Liferay Portal; (…)”.

In merito alle immobilizzazioni materiali “gli investimenti dell’esercizio sono finalizzati principalmente al potenziamento dei sistemi open, mainframe e Disaster Recovery, e alla predisposizione dell’infrastruttura e delle piattaforme funzionali all’attuazione dei nuovi progetti applicativi (es. “Lotteria degli scontrini”) e della nuova modalità di “lavoro agile””.

Alla voce “Costi per godimento di beni terzi” si legge quanto segue: “La sottovoce “Noleggi software e hardware” include i costi per licenze d’uso e quelli per l’acquisizione di hardware in leasing operativo. L’incremento della voce, pari a 9.985.948 euro, è la conseguenza dell’attuale trend tecnologico, il quale privilegia una modalità di fruizione di servizi software che favorisce il sostenimento di costi per noleggi con sottoscrizione di canoni annuali (es.: piattaforma Citrix per “lavoro agile” per i dipendenti della Società e dei Clienti, Suite MSOffice 365 come strumento di collaborazione in Cloud, MongoDB per la gestione dei database del progetto “Lotteria degli scontrini”, Neo4J per basi di dati a grafo open source). (…)”.

“La Società – evidenzia la relazione – ha realizzato e continua a rendere concreti progetti strategici in ambito di Finanza pubblica, Fiscalità, Sistema catastale e patrimonio dello Stato, Intelligence e controlli, Sistema doganale, Giustizia digitale, Gioco regolato, Monitoraggio della spesa sanitaria, Piattaforme applicative nazionali, per citare soltanto alcuni perimetri di attività, con l’obiettivo di fornire al Paese concrete opportunità di crescita, razionalizzazione della spesa ed efficientamento dei sistemi informativi pubblici”.

Infine la relazione fa riferimento al Fondo Rischi Industriali Gestione Giochi: “Il fondo, che ammonta a 500.000 euro (invariato rispetto al 31 dicembre 2019), è stanziato a fronte di rischi su eventuali disservizi contestati a Sogei, relativamente alle attività svolte nell’ambito della gestione dei Totalizzatori nazionali delle scommesse ippiche e sportive. Il fondo non ha subito movimentazioni nel corso dell’esercizio”.

Alla voce ‘servizi’ si legge quanto segue:

Giochi
58.423 Esercenti/Operatori registrati
10MLD Transazioni/anno
350.000 Eventi ippici e sportivi gestiti

Alla voce ‘dati’ si legge quanto segue:

Giochi
7.6M Conti di gioco (aperti)
317.415 Apparecchi AWP e VLT
1,2 MLD Biglietti scommesse registrati/anno
6.5 MLD Giocate sui giochi numerici/anno

Articolo precedenteDossier “Riforma del processo penale”: applicazione e scelta pene sostitutive, giudice tiene conto anche della condizione di disturbo da gioco d’azzardo
Articolo successivoGDF Reggio Calabria sequestra 1,8 mln di euro a imprenditore romano attivo nelle scommesse online