“I dati Fipe-Confcommercio certificano che, nel giorno dell’avvio della lotteria degli scontrini, soltanto il 30% dei negozi ha potuto adeguarsi tecnicamente all’iniziativa. Risultato: un impulso alla disparità, perché i clienti scelgono l’esercizio cui rivolgersi anche in base a questo”.

Lo dichiara la deputata di Fratelli d’Italia, Ylenja Lucaselli. “Una situazione che non sorprende, perché già da giorni le sigle di rappresentanza chiedevano di rinviare l’inizio della ‘lotteria’ proprio per le difficoltà di approntarne l’accesso ai clienti. Molti negozianti, peraltro, si sono trovati nell’impossibilità di sostenere i costi fissi di tutto questo. Ancora una volta, però, l’Esecutivo non ha voluto ascoltare, e così sul comparto del commercio si abbatte un’altra mannaia, dopo le innumerevoli dell’ultimo anno. Un altro motivo, l’ennesimo, che spiega come questa maggioranza , qualora dovesse riproporsi con qualche maquillage, è solo un danno per il Paese. L’unica strada da percorrere è il voto”.