“Con il documento in esame gli Onorevoli interroganti evidenziano che la cosiddetta lotteria degli scontrini si inserisce nel piano Italia Cashless per incentivare l’uso di carte e app di pagamento, al fine di favorire la digitalizzazione del Paese, e chiedono di sapere come si intenda semplificare e incentivare la partecipazione alla lotteria degli scontrini, anche valutando la possibilità di sfruttare le potenzialità dell’app IO e di istituire una lotteria istantanea cui destinare una quota delle risorse programmate. Al riguardo, sentiti gli Uffici competenti, si rappresenta quanto segue. La richiesta degli Onorevoli interroganti concerne l’iniziativa denominata « Lotteria nazionale degli scontrini », istituita allo scopo di incentivare l’utilizzo della moneta elettronica nell’ambito di un più ampio progetto di ammodernamento e sviluppo digitale del Paese, oltre che di lotta all’evasione fiscale e alla contraffazione. Diversamente da altre antesignane iniziative di Cashback, l’attuale Lotteria è strutturata in modo da garantire l’equilibrio finanziario della relativa gestione. Avviata a far data dal febbraio 2021, l’iniziativa consente la partecipazione dei cittadini maggiorenni residenti i quali, al momento dell’acquisto presso gli esercizi aderenti, devono mostrare un codice identificativo precedentemente acquisito mediante registrazione sull’apposito portale della Lotteria. Per ogni euro speso è assegnato un biglietto virtuale, fino a un massimo di 1.000 biglietti per ogni scontrino pari o superiore a 1,00 euro, e sono previste estrazioni settimanali, mensili e annuali che premiano acquirente e venditore con premi in denaro di diversa entità”.

Lo ha detto in Commissione Finanze della Camera il sottosegretario al Mef con delega ai giochi, Federico Freni, rispondendo all’interrogazione presentata dai deputati del PD Fragomeli, Boccia, Buratti, Ciagà, Sani e Topo in merito alla lotteria degli scontrini.

“A fronte di 5,9 milioni di codici lotteria rilasciati a 4,7 milioni di utenti, gli esercenti che trasmettono i dati della lotteria sono solo il 26,8 per cento del totale (ossia 369.000 su 1.320.000). Sebbene la maggior parte della grande distribuzione si sia adeguata alle disposizioni sulla predetta Lotteria, la criticità più rilevante riguarda gli esercenti mediopiccoli che, in assenza di previsioni sanzionatorie, restano inottemperanti all’obbligo legale di trasmettere i dati.

Tanto premesso, in merito alla richiesta volta ad implementare tale progetto, incentivando la partecipazione dei cittadini anche mediante la semplificazione del meccanismo di partecipazione (ed eventualmente, attraverso un più efficace utilizzo dell’applicazione IO), e istituendo una lotteria istantanea cui destinare una quota delle risorse programmate, l’Agenzia delle dogane e dei monopoli riferisce che l’introduzione di una modalità di estrazione istantanea che permetta all’acquirente di conoscere con immediatezza l’esito della partecipazione alla Lotteria, potrà essere effettuata ferme restando le necessarie modifiche e integrazioni e gli imprescindibili adeguamenti dei sistemi informatici attualmente utilizzati e dei registratori di cassa degli esercenti. Sarà infatti indispensabile una modifica sostanziale delle attuali applicazioni con l’implementazione di un nuovo sistema di estrazione e lo sviluppo di un software dedicato da installare sui registratori di cassa telematici (RT) che invochi in tempo reale l’estrazione.

A tal fine l’Agenzia delle dogane e dei monopoli, congiuntamente con le altre Amministrazioni interessate, è disponibile ad elaborare le più idonee soluzioni tecnologiche, anche utilizzando l’App IO e valutando possibili semplificazioni nell’utilizzo del predetto codice di gioco. Da ultimo, si rappresenta inoltre che, proprio allo scopo di incentivare la partecipazione alla Lotteria in parola, il Ministero dell’economia e delle finanze sta predisponendo una campagna di comunicazione e di promozione rivolta, in maniera mirata, agli esercenti e agli utenti”.

Gian Mario Fragomeli (PD) ha ringraziato per la risposta, della quale si è dichiarato soddisfatto. Ha auspicato che l’applicazione IO sia migliorata e possa consentire anche la trasmissione automatica dei dati del contribuente, senza che questi debba esibire il codice lotteria in occasione di ciascuna transazione. Inoltre ha sottolineato come l’introduzione di una lotteria istantanea potrebbe essere ancora più attrattiva per gli utenti, eliminando il lungo intervallo che attualmente intercorre tra l’emissione dello scontrino e l’estrazione dei premi. Ha annunciato infine l’intenzione di adoperarsi per migliorare questo strumento, introdotto dal precedente Esecutivo, che si sta rivelando un utile mezzo per limitare l’uso del contante, favorendo i metodi di pagamento elettronici.