Promette un “piano concreto” per “correre”, il premier Giuseppe Conte. E prova a sminare gli “stati generali”, dopo gli attriti nella maggioranza: nega di volersi creare un partito, parla di “condivisione”, invita Vittorio Colao ma derubrica a “buono” il suo…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati