Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, durante il forum con i giornalisti nella sede dell'ANSA di Milano, 11 aprile 2018. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

La data per l’intesa sull’autonomia “sara’ rispettata” e “sono convinto che l’intesa sara’ soddisfacente”. A dirlo e’ il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, rispondendo a una domanda sulla trattativa con il governo per una maggiore autonomia.

Il governatore ha risposto cosi’ a chi gli chiedeva della scadenza del 15 febbraio, data indicata dal governo per la presentazione di un’intesa: “E’ una settimana importante ma credo che la data sara’ rispettata, si e’ imboccata una strada virtuosa”. In particolare “dopo il 15 credo che ci sara’ l’approvazione in Cdm e poi la firma degli accordi tra i singoli presidenti delle Regioni e il governo”.

Il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha detto che se l’intesa non lo soddisfa non firmera’; mentre Fontana, pur condividendo, e’ apparso ottimista: “L’ho detto anche io ma sono convinto che l’intesa sara’ soddisfacente”.

Secondo la bozza sull’autonomia che Jamma ha potuto visionare tra le competenze che passeranno alla Regione non si fa cenno della regolamentazione sul gioco d’azzardo, uno dei punti fortemente voluti dall’ex governatore Maroni.

Il testo della risoluzione approvata dal Consiglio regionale lombardo nel 2017 dava mandato alla giunta regionale e al governatore lombardo di avviare una trattativa con il governo per “l’attribuzione alla Regione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia ai sensi dell’articolo 116, terzo comma, della Costituzione” e si richiedeva, in tema di contrasto al gioco d’azzardo patologico, la competenza esclusiva sulla determinazione delle distanze dei punti gioco dai luoghi sensibili.

Commenta su Facebook