Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Abbiamo deciso di prorogare l’entrata in vigore di quella legge di un po’ di tempo per aprire un confronto per rendere la cosa non frutto di emotività della politica ma di scelte ponderate”. Lo ha detto il presidente della Liguria Giovanni Toti, al termine della Conferenza dei governatori, rispondendo a una domanda sulla legge del gioco d’azzardo in Liguria.

“A Genova c’e’ un testo di legge approvato nella passata legislatura che sarebbe entrato in vigore l’1 maggio e che comportava a mio avviso una discriminazione grave – ha detto Toti – Trattava le slot machine come ricevitorie dei concorsi nazionali e il combinato disposto avrebbe portato a un gravissimo danno per numerose categorie di esercenti”.

“C’e’ bisogno di affrontare il tema con serietà e freddezza, nessuno e’ favorevole alla ludopatia – ha concluso – siamo tutti per una legge che ne contenga i danni e riordini il sistema, ma va fatta con ‘grano salis’ evitando quella che le associazioni di categoria paventavano come una perdita di 2000-2500 posti di lavoro. Cosa che aggiunge disagio sociale a disagio sociale”.

Commenta su Facebook