liguria
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Il Difensore civico della Liguria e garante dei Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza Francesco Lalla e il responsabile dell’Ufficio Dario Arkel intervengono nel dibattito che si è sviluppato intorno ai provvedimenti regionali per contrastare il gioco d’azzardo come il disegno di legge 192 sulla proroga della legge regionale sulla disciplina delle sale da gioco che è all’esame della Commissione-Sanità e Sicurezza sociale.

“Si tratta – spiegano – di un’ulteriore proroga rispetto allo spostamento delle slot machine e videolottery situate entro i 300 metri da cosiddetti luoghi sensibili quali scuole, chiese e palestre. Riteniamo necessario che non solo le eventuali nuove macchinette vengano poste a una più congrua distanza dai luoghi di socializzazione, ma che ciò avvenga senza eccezioni anche per quelle già situate nelle vicinanze di siti frequentati da adolescenti”.

Secondo Lalla e Arkel “è evidente che una sanatoria del passato manterrà una sempre costante se non maggiore affluenza di partecipanti a questi giochi che, a dire degli specialisti, sovente creano dipendenza e sono ritenuti nocivi per la salute se utilizzati in modo compulsivo”.

L’ufficio del Garante ritiene, inoltre, che il gioco d’azzardo abbia gravi conseguenze soprattutto su giovani e giovanissimi: “Rileviamo come tali pratiche possano coinvolgere minori in modo diretto poiché i controlli non sono effettuati a tappeto e con sistematicità”.

Commenta su Facebook