slot

“Le modifiche apportate vanno nella giusta direzione. Perché se è vero che da un lato intensifichiamo la prevenzione e il contrasto delle dipendenze legate al gioco d’azzardo, dall’altro tuteliamo i lavoratori del settore. Lavoratori che, in assenza di questa modifica, avrebbero subito sulla propria pelle gli effetti dell’attuale legge regionale. E quindi la chiusura delle attività perché non rispettose delle distanze previste”.

Lo dichiara il presidente de La Puglia con Emiliano, Paolo Pellegrino, commentando il via libera dalla III Commissione Sanità alla proposta di legge che modifica ed integra la legge regionale n. 43 del 2013 “Contrasto alla diffusione del Gioco d’Azzardo Patologico”.

“Proposta – spiega – passata con un voto molto frastagliato, tanto in maggioranza quanto nelle opposizioni. Per questo mi auguro che su un tema così sentito e delicato (pensiamo ai milioni di euro che ogni giorno vanno in fumo per inseguire fantomatici premi in denaro con slot, gratta e vinci e scommesse) si trovi un’ampia convergenza in Consiglio regionale per l’approvazione definitiva. O in alternativa mi auguro un’iniziativa definitiva da parte del Governo centrale o nella Conferenza Stato-Regioni”.

“Portare a una distanza non inferiore ai 250 metri, rispetto ai precedenti 500, l’ubicazione di sale e apparecchiature dai luoghi sensibili, e solo per le nuove autorizzazioni, – sottolinea il presidente – significa aver chiarito i dubbi e le perplessità dei lavoratori su questo periodo di transazione dettato dalla legge regionale attualmente in vigore”.

“In ogni caso io credo fortemente in queste modifiche approvate perché pongono un freno ad esempio sulla pubblicità di giochi e simili sui mezzi del trasporto pubblico locale e soprattutto prevedono corsi di formazione e di sensibilizzazione per gli addetti ai lavori. A chi ogni giorno si trova suo malgrado a dover soddisfare e dispensare il desiderio di fortuna e di soldi degli scommettitori”.

Gioco d’azzardo Patologico. M5S Puglia: “Ancora una volta sul contrasto al GAP Emiliano non prende una posizione”

 

Commenta su Facebook