“L’articolo 5 del provvedimento contiene disposizioni in materia di professioni ippiche, finalizzate ad escludere dall’applicazione della direttiva 2013/55/UE sulle qualifiche professionali quelle di allenatore, fantino e guidatore di cavalli da corsa; in particolare, al fine di rendere meno difficoltosa la circolazione dei professionisti del settore ippico, tramite una novella all’articolo 5, comma 1, lettera l-ter) del decreto legislativo n. 206 del 2007, le suddette categorie sono espunte da un elenco di professionalità per le quali è necessario un riconoscimento da parte del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali”.

Advertisement

E’ quanto si legge nella proposta di relazione approvata dalla Commissione Agricoltura della Camera in merito al disegno di legge C. 2670 Governo, recante: «Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea – Legge europea 2019-2020».