“Il nostro impegno, in particolare, si è concentrato nel chiedere che i fornitori dei servizi media, comprese le piattaforme social, forniscano informazioni in merito a ogni contenuto che possa nuocere allo sviluppo psicofisico dei minori, compreso il divieto di pubblicità…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati