2,7 miliardi di euro in tre anni a titolo di Controllo, accertamento e riscossione delle imposte sulla circolazione delle merci, garanzia della sicurezza sui giochi e controllo sulla produzione e vendita dei tabacchi, svolte dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

E’ la voce inserita nell’ultima legge di Bilancio in queste ore all’esame del Senato prima della approvazione definitiva.

La Manovra 2021 , per la prima volta dopo anni, non prevede misure fiscali per i giochi pubblici ma, come è ovvio, comprende diversi capitoli di entrate dal settore.

Alla voce spese sono previsti 14,1 miliardi di euro ogni anno di vincite erogare e 2,8 miliardi circa di aggi su giochi e lotterie. Una cifra compresa tra 260. 270 milioni l’anno è destinata restituzioni cauzioni e contenzioso.