Con l’ok di Montecitorio (298 sì, 125 contrari e 8 astenuti) prende la sua forma definitiva e passa al Senato per il ‘timbro’ la maxi-manovra da 40 miliardi, la più corposa degli ultimi anni.

In poco più di 48 ore in commissione, i deputati hanno comunque portato a casa 254 emendamenti, di cui oltre un terzo con micro-stanziamenti sotto i 5 milioni, e un pacchetto di nuovi aiuti a trasporto aereo e automotive da circa 1 miliardo complessivo, in gran parte grazie al ‘fondone anti-Covid’ da 3,8 miliardi. A rimanere fuori al momento, tra le richieste ricorrenti, il settore del wedding e degli eventi e tutto lo sci, che dovrebbe essere in cima alla lista dei nuovi ristori.

Il testo approda ora al Senato per l’ultimo passaggio.