“Rendere retroattiva la legge sulla distanza dai luoghi sensibili e una scelta del tutto illegittima ed anticostituzionale, non solo chiediamo a piena voce di eliminarla, ma anche di rivedere le distanze”. E’ quanto scrivono gli operatori del gioco nel Lazio,…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati